Capo Nieddu

Cascata a mare di Capo Nieddu

Capo Nieddu è uno dei tratti di costa più selvaggi ed incontaminati tra i tanti, per il momento, esistenti in Sardegna. Piuttosto distante dai paesi circostanti e libero dalla speculazione edilizia, questo territorio (meno conosciuto di altri e più celebri itinerari escursionistici) si segnala per la ricchezza di testimonianze nuragiche di cui è sparsa la campagna e per gli straordinari scenari marini. Da Cuglieri, percorrendo la strada che scende verso Santa Caterina di Pittinuri, svoltiamo a destra al bivio in corrispondenza della cabina elettrica ai margini della strada; proseguiamo, sempre su strada asfaltata, fino a Oratiddo, che si individua facilmente per la presenza di alcune case abbandonate tra gli eucalipti e per l’omonimo nuraghe; svoltiamo a destra, e dopo un più lungo tratto parallelo alla costa, svoltiamo a sinistra nei pressi di una seconda cabina elettrica, per giungere al termine della strada asfaltata. Entriamo a piedi in un podere privato attraversato da un torrentello che è facilmente individuabile per la folta striscia di macchia che ne segue il corso; lo seguiamo fino ad incontrare un muretto a secco che poi si apre sulla libera campagna circostante; quindi, individuato a vista il mare non lontano, e mantenendoci a sinistra del Riu Salighes, avanziamo tra una spinosissima macchia sino alla costa, guidati dall’inconfondibile rumore della cascata. Questa prima parte del percorso la si affronta senza fatica in non più di 30 minuti. La vista sulla cascata è fantastica: il Riu Salighes, che aveva accompagnato il nostro cammino e che, raccogliendo tutte le acque circostanti, ha inciso questo vasto tavolato di trachite, precipita improvvisamente in mare con un salto di 40 m, in uno scenario di rara bellezza. Non meno straordinario è il panorama tutt’intorno. Dinnanzi a noi l’azzurra distesa di acque del Mar di Sardegna; alle nostre spalle il boscoso massiccio di origine vulcanica del Montiferru; sullo sfondo settentrionale la costa di Capo Marargiu e, in grande lontananza, il promontorio di Capo Caccia; a Sud Capo Mannu e l’isolotto Mal di Ventre e, scendendo ancora con lo sguardo, il Monte Arcuentu e il massiccio del Monte Linas. In una escursione così semplice l’unico motivo di impegno è costituito dal guado del fiume, che, a causa della portata d’acqua e dell’intricato sviluppo della vegetazione in riva, è agevole (ma con tantissima prudenza) in un unico punto: pochi metri dietro il ciglio della cascata. Un sentiero risale poi tra la vegetazione per circa una decina di metri e svetta fuori dalla gola direttamente sul pianoro costiero. Lo percorriamo agevolmente perché è poco ingombro di vegetazione, probabilmente anche causa dell’impetuoso maestrale che qui soffia incontrastato. Per circa mezz’ora camminiamo seguendo la linea di costa e ammiriamo la lunghissima serie di cupe falesie trachitiche che, con altezza anche di 70 m, si snoda senza interruzioni in direzione nord: prima fino a Capo Mannu, dove sostiamo dinnanzi a una vecchia torre di vedetta; poi fino a Foghe, che avvistiamo da lontano con una seconda bella torre a guardia della foce del Rio Mannu.
Il rientro, come l’andata, sullo stesso percorso.

DSC 0015

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO I COOKIES? COME SI DEVE COMPORTARE L'UTILIZZATORE?

Utilizziamo con Joomla! solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. Mentre utilizziamo cookies di terze parti per i banner pubblicitari e per raccogliere informazioni statistiche. Questo tipo di cookies necessita del consenso dei navigatori. Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.
I cookies sono dei semplici file di testo non necessariamente invasivi. Per esempio se clicchi nel pulsante OK, ho capito! un cookie si installerà nel tuo browser e il sistema sarà in grado di capire che tu hai già letto queste note o che comunque conosci la materia ed eviterà così di mostrarti questo fastidioso avviso tutte le volte che cambierai pagina o nelle visite successive al nostro sito.

In questo sito come detto, oltre ai cookies tecnici utilizzo cookies che profilano e registrano le abitudini di navigazione degli utenti dato che pubblico annunci pubblicitari di google adsense e raccolgo le statistiche del sito con google analytics nonchè pubblico i pulsantini di condivisione di facebook, twitter e googleplus

Vai qui per approfondire la policy di google:http://www.google.com/policies/technologies/cookies/

Vai qui per approfondire la policy di facebook: https://it-it.facebook.com/about/privacy

Vai qui per approfondire la policy di twitter: https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookies e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

È comunque possibile disabilitare i cookies direttamente dal proprio browser. Per informazioni più dettagliate in riferimento alle opzioni di disabilitazione dei cookies ecco l'elenco dei link per la configurazione dei browser.

Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefox
Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome
Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Internet Explorer
Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Safari
Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera

Se desideri eliminare i file cookies eventualmente già presenti sul tuo computer, leggi le istruzioni del tuo browser cliccando sulla voce “Aiuto” del relativo menu.

Nonsolotrekking ASD Via Franz Schubert, 1 07026 Olbia - C.F.: 91055520901